iPad compie 8 anni… e iFixit smonta l’ultimo modello

03 aprile 2018 di Giuseppe Migliorino

Nel giorno degli 8 anni dalla presentazione del primo iPad, iFixit smonta l’ultimo modello rilasciato da Apple per scoprirne tutti i segreti hardware.

Il teardown di iFixit evidenzia che le riparazioni del display LCD sono più economiche rispetto ai modelli Pro perché lo schermo non è laminato, ma qualsiasi servizio di assistenza non Apple troverà molte difficoltà nella sostituzione, a causa dell’uso estensivo dell’adesivo per fissare le parti interne.


Il chip A10 Fusion utilizzato su questo iPad è lo stesso di quello visto su iPhone 7. Presenti 2 GB di RAM.

Il nuovo supporto alla Apple Pencil è stato attivato utilizzando il controller touchscreen Broadcom, lo stesso visto nei modelli Pro.

Come per l’iPad entry level dello scorso anno, il display LCD è separato dal vetro di copertura. Se l’iPad viene fatto cadere e il vetro di copertura si rompe, il vetro può essere sostituito senza dover sostituire l’intero gruppo con pannello e modulo touch.


In generale, il teardown non è dei più interessanti in quanto il dispositivo è principalmente una copia carbone del modello  precedente. iFixit critica il fatto che Apple continui a utilizzare forti colle per mantenere tutto a loro posto all’interno dell’iPad. Questo uso massiccio della colla rende infatti molto difficile effettuare riparazioni “non ufficiali” e questo potrebbe essere un limite per un tablet pensato principalmente per l’uso nelle scuole.

L’iPad 2018 segna raggiunge un misero 2/10 nel punteggio di riparabilità.

Intanto, 8 anni fa veniva messo in vendita il primo iPad della storia, presentato pochi mesi prima da Steve Jobs.

Per restare sempre aggiornato sul tema di questo articolo, puoi seguirci su Twitter, aggiungerci su Facebook o Google+ e leggere i nostri articoli via RSS. Iscriviti al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!

REGOLAMENTO Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole guida sulla discussione all'interno dei nostri blog.