Il rivoluzionario Minimoog Model D arriva su App Store

26 marzo 2018 di Giuseppe Migliorino

Dai Kraftwek e Michael Jackson, passando per i Nine Inch Nails e Dr. Dre, il Minimoog ha abbracciato generi musicali e decenni di storia della musica. In vendita dal 1970, fu uno dei primi sintetizzatori a includere una tastiera e ha dato ai musicisti la possibilità di iniziare a comporre immediatamente,  invece di capire il complesso mondo dei synth modulari. Purtroppo, Moog ha finito di produrre questo modello nel 1981, ma ora ritorna su… App Store!

Nel 2016, Moog ha rilasciato una edizione limitata del Model D al prezzo di 3700 dollari, ma i pezzi sono pochi e non è prevista una nuova produzione. Per questo, gli appassionati possono accontentarsi di un simulatore, creato dalla stessa Moog, installabile su iPhone e iPad al prezzo di 5,49€.

L’app, ora disponibile in offerta lancio, non ha il fascino di metallo e legno originali, ma ricrea fedelmente la versione fisica del Minimoog, comprese tutte le manopole. L’accesso ad effetti aggiuntivi come l’arpeggio, il delay e il  looper richiede solo il tocco del pulsante FX, con le opzioni che scendono dall’alto della schermata. Per quanto riguarda la riproduzione, la tastiera a 44 tasti può essere spostata su e giù per raggiungere l’ottava corretta senza troppi problemi.

Se si dispone di una tastiera MIDI, è possibile collegarlo tramite un adattatore o tramite Bluetooth per un migliore controllo della tastiera. Con questa soluzione, potresti benissimo usare l’app per riprodurre la versione digitale quadrifonica del vero Minimoog.

L’app offre anche tanti suoni pre-impostati, come il G-Thang dell’album Cronic di Dr. Dre o quelli dei brani dei  Kraftwerk (Kraft Bass) e dei Parliament Funkadelic (Funky B).

Quindi, invece di ruotare le manopole per ore cercando di ricreare i suoni delle tue canzoni preferite, Moog li ha aggiunti all’app con altri disponibili per l’acquisto. Questi preset non solo facilitano la riproduzione delle tue canzoni preferite, ma offrono anche la possibilità di capire come oscillatori, mixer, filtri e altre funzionalità possono essere manipolate per creare suoni particolari.

Se riesci a vedere cosa è stato fatto per creare un suono, puoi sfruttarlo realizzando il tuo tono unico senza dover ruotare casualmente le manopole e premere i pulsanti. Si tratta quindi di un’app davvero fantastica, che consigliamo però solo su iPad e non su iPhone viste le dimensioni ridotte dello smartphone.

 

REGOLAMENTO Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole guida sulla discussione all'interno dei nostri blog.