I contenuti per iPad genereranno il 30% di profitto rispetto all’hardware

09 marzo 2010 di Umberto Lentini

L’analista Brian Marshall, in una nota inviata agli investitori, sostiene che i profitti generati dai contenuti per iPad arriveranno fino al 30% rispetto ai profitti generati dalle vendite del dispositivo.

Marshall è molto convinto delle potenzialità dell’iPad ed infatti scrive nella nota:

We believe the iPad offers a rich media experience that will translate into a content-based recurring revenue stream over time

“Noi crediamo che l’iPad possa offrire un’esperienza multimediale molto ricca che si tradurrà in un continuo flusso di entrate dovuto ai contenuti”.

È bene chiarire che la Apple l’AppStore, così come l’iTunes store, non sono dei prodotti che generano profitto. Lo stesso responsabile finanziario di Apple, Peter Oppenheimer, dice chiaramente che, per entrambi gli store, la Apple arriva poco più che in pari a fine anno. Per Cupertino, infatti, i negozi online rappresentano solo un servizio da offrire agli utenti della mela e che quindi fa da deterrente per l’acquisto di un prodotto Apple, sia esso un iPod, un iPhone o un iPad.

Con l’iPad però la situazione potrebbe cambiare, a detta di Marshall, il quale ritiene che per fine 2010 il business dei contenuti arriverà a raggiungere il 10% dei profitti generati dalla vendita del dispositivo, e si trasformerà in un 30% a fine 2011. Non solo: l’analista ritiene che il numero di iPad venduti, stimato inizialmente su 2.2 milioni di pezzi, potrebbe salire a circa 4 milioni, e potrebbe addirittura raggiungere i 7 milioni se la Apple riuscirà a sfruttare tutto il suo enorme potenziale.

Marshall non risparmia neanche una critica ai detrattori dell’iPad. Secondo lui chi parla di flop evidentemente non ha mai avuto tra le mani il gioiellino di casa Apple e dovrà ricredersi quando i numeri daranno, ancora una volta, ragione a Cupertino.

[via]

REGOLAMENTO Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole guida sulla discussione all'interno dei nostri blog.