VLC ritornerà su iPad?

venerdì, 16 novembre 2012 di Giuseppe Migliorino in News iPad

VLC, uno dei software PC/Mac più apprezzati per la visualizzazione di qualsiasi formato video, potrebbe presto ritornare su App Store.

Ricordiamo che, fino ad oltre un anno fa, questa applicazione era disponibile gratuitamente anche su App Store. L’app venne poi eliminata per un problema di licenze, in quanto VLC per iOS era stata sviluppata da Applidium, una software house non collegata in alcun modo agli autori dell’app. Per questo motivo, il capo del team VideoLAN Remi Denis-Courmont ne richiese l’eliminazione dallo store, e così fu. Nelle prossime, però, le cose potrebbero cambiare…

VLC è notoriamente un software free e distribuito sotto licenza GPL, ma alla versione che era disponibile su App Store era stato applicato un DRM, violando esplicitamente i termini e le condizioni della VideoLAN. Il team che ha creato VLC, infatti, ha sempre reso disponibile il codice sorgente dell’app per modificarlo e ridistribuirlo, per cui la vendita di una versione dell’app con limitazioni e DRM era in netto contrasto anche con l’idea originale dell’applicazione stessa.

Da qualche mese, però, il team che ha creato VLC ha modificato la licenza, passandola da GPL a LGPL 2.1. Tale nuova LGPL non vieta a terzi di distribuire l’app con una licenza diversa da quella originale, aprendo le porte agli sviluppatori che volessero distribuirla in versione iOS. Un conferma è arrivata anche da Jeann-Baptiste Kempf, presidente dell’associazione VideoLan e principale sviluppatore della stessa, il quale ha affermato che le nuove licenze potrebbero ora consentire un ritorno di VLC su App Store.

Ricordiamo che con VLC sarebbe possibile avviare decine di formati video, .avi compresi, su iPhone e iPad senza bisogno di convertirli.

[via Macitynet]

Per restare sempre aggiornato sul tema di questo articolo, puoi seguirci su Twitter, aggiungerci su Facebook o Google+ e leggere i nostri articoli via RSS.

Unisciti alla nostra community su Facebook! Clicca Mi Piace!
L'utilizzo del contenuto di questo articolo è soggetto alle condizioni della Licenza Creative Commons. Sono consentite la distribuzione, la riproduzione e la realizzazione di opere derivate per fini non commerciali, purché venga citata la fonte.