Rumor: Apple potrebbe lanciare nuovi tools per gli sviluppatori in sostituzione dell’UDID

venerdì, 08 giugno 2012 di Andrea Scrimieri in Rumor

Questi tools permettere agli sviluppatori di sostituire definitivamente l’uso dell’UDID per tracciare l’utilizzo delle proprie applicazioni senza così violare la privacy degli utenti.

Apple ha annunciato che avrebbe progressivamente vietato l’utilizzo dell’UDID, ovvero l’identificativo unico appartenente a ciascun dispositivo. Questo consentiva agli sviluppatori e agli inserzionisti di tracciare non solo l’uso dei propri contenuti, ma anche di monitorare gli spostamenti degli utenti nelle diverse app e durante le sessioni di navigazione. Questo divieto è stato applicato a partire dall’inizio di quest’anno con il rifiuto di applicazioni che ancora ricorrevano all’UDID, senza tuttavia mettere a disposizione dei developer una vera e propria alternativa.

Per loro fortuna Apple sembrerebbe avere pianificato il rilascio di nuovi tools che aiuterebbero gli sviluppatori a tracciare i dati in merito all’utilizzo delle proprie applicazioni senza andare a violare la privacy degli utenti, almeno secondo quanto affermato dal WSJ:

Apple Inc. sta pianificando il rilascio di un nuovo modo che consentirà agli sviluppatori di applicazioni mobili di tracciare l’uso dei propri software, secondo quanto affermato da persone a conoscenza dei piani di Apple; si tratta dell’ultimo tentativo di Apple per bilanciare l’appetito degli sviluppatori sui dati di targeting con la preoccupazione degli utenti in merito al loro uso.

Il nuovo tool, che potrebbe essere mostrato nelle prossime settimane, mira a proteggere la privacy degli utenti in modo migliore rispetto ai metodi attuali, ha affermato la persona.

Questo nuovo metodo permetterà la raccolta di dati importanti in modo completamente anonimo senza che questi siano collegati all’UDID di uno specifico dispositivo. Ulteriori informazioni su questi nuovi tools verranno resi noti dalla compagnia durante il WWDC della prossima settimana.

[via]

Per restare sempre aggiornato sul tema di questo articolo, puoi seguirci su Twitter, aggiungerci su Facebook o Google+ e leggere i nostri articoli via RSS.

L'utilizzo del contenuto di questo articolo è soggetto alle condizioni della Licenza Creative Commons. Sono consentite la distribuzione, la riproduzione e la realizzazione di opere derivate per fini non commerciali, purché venga citata la fonte.