Jailbreak di iOS 5.1, iPad 2 e nuovo iPad – il punto della situazione

giovedì, 15 marzo 2012 di Andrea Cervone in Jailbreak iPad

iOS 5.1 è stato rilasciato poco più di una settimana fa e il mondo del jailbreak è già al lavoro per trovare nuova vulnerabilità, ancora non corrette da Apple, che consentano l’esecuzione del jailbreak untethered su questo firmware e sui nuovi dispositivi che lo supporteranno, in particolare il nuovo iPad. In questo articolo andiamo a fare il punto della situazione sul jailbreak untethered di iOS 5.1.

Essendo trascorsa poco più di una settimana dal rilascio della versione finale di iOS 5.1, è lecito attendersi che il jailbreak untethered di questo firmware possa richiedere ancora del tempo. Stando alle ultime notizie, stanno lavorando al jailbreak untethered di iOS 5.1 gli hacker Pod2G (autore dell’exploit per iOS 5.0 e iOS 5.0.1 utilizzato nelle ultime versioni di Absinthe e Redsn0w), I0n1c (personalità altalenante che in passato ha comunque contribuito alla realizzazione di diversi jailbreak), il Dev-Team e ovviamente anche il Chronic-Dev Team. I più vicini alla soluzione, per il momento, sembrano proprio i primi, ossia Pod2G e I0n1c.

Per quanto riguarda il jailbreak dei dispositivi iOS di terza e quarta generazione, questo è già disponibile, seppur solo di tipo tethered (qui la nostra guida). La differenza tra jailbreak untethered e jailbreak tethered sta nella necessità, nel secondo caso, di dover riconnettere il dispositivo al PC/Mac per effettuare un riavvio. In caso contrario non sarà possibile utilizzare l’iPhone fino alla successiva connessione al computer. Nel jailbreak untethered, invece, non è presente questa limitazione. Per i dispositivi A5, invece, ossia iPhone 4S e iPad 2, l’attesa sarà più lunga e non esiste attualmente nemmeno un jailbreak di tipo tethered per questi terminali poiché non è disponibile un exploit a livello hardware per il processore A5.

Parlando invece dell’iPad di terza generazione, che verrà rilasciato proprio in giornata da Apple negli Stati Uniti, in Canada, Francia, Gran Bretagna, e negli altri Paesi del “primo turno”, la situazione è sicuramente più complessa ma non per questo il jailbreak del nuovo tablet di Apple sembra impossibile.

In giornata, Stefan Esser (@i0n1c) ha pubblicato un nuovo aggiornamento di stato su Twitter che segue un precedente ‘tweet’ in cui l’hacker aveva dichiarato che in pochi giorni avrebbe ottenuto un “nuovo iPad jailbroken“. Questa volta, come potete leggere dal tweet riportato poco più in alto, l’hacker torna sui suoi passi affermando che il suo nuovo iPad non sarà sbloccato già in giornata ma lunedì o comunque nel giorno in cui riceverà il prodotto speditogli da Apple. I0n1c sembra quindi sicuro che riuscirà ad eseguire il jailbreak untethered dell’iPad di terza generazione e del processore A5X in pochissimo tempo.

Dal canto suo, invece, Pod2G ha chiesto aiuto proprio qualche giorno fa agli utenti di tutto il mondo, suggerendo loro di inviargli qualsiasi report di crash che potrebbe nascondere una vulnerabilità a livello di codice in iOS 5.1. Questa idea non si è però rivelata vincente poiché tantissimi e persone hanno girato all’hacker dei report inutili e quindi l’idea è stata abbandonata.

Rispondendo ad un tweet di I0n1c, Pod2G ha lanciato una vera e propria sfida all’hacker tedesco: “un uccellino mi ha detto che presto avrai una sorpresa“, il riferimento è chiaramente al precedente tweet di I0n1c in cui, con decisione, l’hacker aveva affermato di poter ottenere il jailbreak untethered del nuovo iPad nello stesso giorno in cui questo gli sarebbe stato recapitato.

Sul jailbreak untethered di iOS 5.1 e del nuovo iPad ne sapremo sicuramente di più nei prossimi giorni. Ovviamente continueremo a tenervi aggiornati a riguardo.

Per restare sempre aggiornato sul tema di questo articolo, puoi seguirci su Twitter, aggiungerci su Facebook o Google+ e leggere i nostri articoli via RSS.

L'utilizzo del contenuto di questo articolo è soggetto alle condizioni della Licenza Creative Commons. Sono consentite la distribuzione, la riproduzione e la realizzazione di opere derivate per fini non commerciali, purché venga citata la fonte.